Importanza dello stile di vita nella relazione fra corpo fisico, emozionale e causale

Nel quadro della prevenzione e cura dello stress, lo stile di vita è di fondamentale importanza perché la nostra attività mentale e il nostro mondo emotivo possano armonizzarsi con il corpo fisico. Quindi, mentre da una parte regola principale è evitare gli stati di stress e ansia perché in grado di influire sulle funzioni del nostro corpo, dall’altra, uno stile di vita sano deve anche comprendere non solo un esercizio fisico giornaliero, che mantenga in forma e aiuti a smaltire l’accumulo eccessivo di tossine, ma anche un’alimentazione adeguata alla nostra costituzione, poiché sia alimentazione che esercizio fisico sono invece in grado di influire sull’equilibrio mentale ed emozionale.

Dello stile di vita parlava Ippocrate (vissuto intorno al IV sec. a.C.) che, nell’individuare quattro costituzioni principali, e cioè la collerica, la flemmatica, la sanguigna e la melanconica, attribuiva nella sua terapia grande importanza alla dieta (titolo di uno dei libri ippocratici è Della Dieta), alla ginnastica, ai massaggi e ai bagni.

L’importanza dell’alimentazione e della dieta nell’ottica di un equilibrio psicofisico della persona è anche uno degli argomenti principali trattati dall’antica medicina tradizionale indiana, l’Ayurveda, che distingue tre dosha o “personalità” – vata, pitta, kapha – le quali, per mantenere il giusto equilibrio, oltre a seguire uno stile di vita particolare, devono ognuna assumere cibi specifici alle loro qualità. Inoltre, l’Ayurveda considera altrettanto importante il digiuno terapeutico, se praticato regolarmente.

Molti secoli dopo in occidente, Samuel Hahnemann (1755-1843), il fondatore della Omeopatia, parlava dell’importanza della dieta “severa”. Egli fece suo lo studio del Corpus Hippocraticum per comprendere la natura della costituzione, del temperamento e delle predisposizioni dell’Uomo ma, a differenza di Ippocrate, distingueva sette fattori costituzionali, uno dei quali era “il carattere emozionale e mentale”, e cioè il Geist (o spirito razionale) e il Gemut (o disposizione emozionale), che Hahnemann diceva essere solo di pertinenza del genere umano. E’ in questo fattore che egli includeva quelle costituzioni già individuate da Ippocrate.

Sempre in occidente, Edward Bach agli inizi del secolo scorso individuò sette gruppi di emozioni in grado di scatenare stati patologici. La sua esperienza di medico omeopata lo convinse che “per guarire è necessario mutare completamente la propria prospettiva mentale: cambiare umore, atteggiamento, opinioni. Solo così si dà veramente ascolto al messaggio cifrato che arriva a noi attraverso il sintomo, e si ubbidisce alla nostra parte più profonda, che reclama attenzioni e cure”. Insomma: il nostro mondo emotivo e strettamente legato al mentale e al fisico. Nonostante gli stati emotivi per Bach possano essere sia tipologici che transitori, egli considerava che in ambedue i casi essi procurano un forte stress, tanto da poter alterare le funzioni di alcuni organi.

Nella storia della medicina, l’accento posto sulle emozioni e sulle personalità, sia nella prevenzione che nella cura delle malattie, è stato sempre rilevante. Inoltre, il concetto ippocratico secondo cui “nessun organo, nessun individuo, nessuna funzione possono essere altrimenti considerati che come parti di un tutto organicamente indissolubile, che a sua volta costituisce un microcosmo nel macrocosmo” è più che mai attuale. Ricorda il concetto dello yin e dello yang nella filosofia cinese, che è perno della Medicina Tradizionale Cinese, ed è anche il concetto su cui si fonda oggi la medicina olistica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: