Le Emozioni possono condizionare il Sistema Immunitario?

Alla metà degli anni ’70, con un esperimento condotto sui topi, lo psicologo Robert Ader e l’immunologo Nicholas Choen dimostrarono per la prima volta che il cervello può condizionare il sistema immunitario e diedero inizio ad una scienza, la Psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI), che studia la relazione che intercorre fra psiche, cervello e sistema immunitario. La PNEI non solo ha riconosciuto da tempo l’influenza che hanno il comportamento e le emozioni sul sistema immunitario, ma ricerche relativamente recenti hanno dimostrato che il sistema immunitario invia segnali al cervello “che alterano in modo potente l’attività neurologica e pertanto alterano tutto ciò che deriva dall’attività neurologica, soprattutto il comportamento, il pensiero e l’umore“.

Insomma, è stato dimostrato che non solo molti cambiamenti che si verificano nell’umore e a livello cognitivo vengono diretti da eventi del sistema immunitario di cui siamo inconsapevoli, ma anche che lo stress può realmente portare alla malattia, appunto perché collegato al sistema immunitario, ed è quindi in grado di sollecitare sintomi quali quelli del comune raffreddore.

Secondo la PNEI, le emozioni vengono create dal cervello, e il sistema limbico – ed in particolare l’ipotalamo, ad esso intimamente connesso – è preposto a questa funzione. La scoperta della scienziata Candace Pert che i neuropeptidi ed i neurotrasmettitori si trovano anche sulle pareti del sistema immunitario – e perciò i neuropeptidi non vengono prodotti solo dal cervello – dimostra l’associazione che intercorre con le emozioni e suggerisce che le emozioni e la salute sono profondamente interdipendenti.

La Psiconeuroendocrinoimmunologia ha quindi dimostrato un chiaro rapporto fra l’attività del sistema immunitario e quella del sistema nervoso. Fra gli altri, uno studio ha riscontrato che uomini di mezza età affetti da depressione erano più inclini a sviluppare il cancro, un altro studio ha riscontrato invece che persone che dicevano di aver perso la speranza erano più inclini a morire, ed un terzo studio ha dimostrato che persone con il cancro avevano sofferto di forti depressioni e di un’infanzia infelice.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: