Crab Apple

L’essenza floreale “Crab Apple” si prepara nel mese di maggio con i fiori, le foglie e i ramoscelli del Malus pumila, una specie originaria del Caucaso e oggi coltivata anche in Italia.

Le parole chiave per il Fiore di Bach Crab Apple sono:  Pulizia, disgusto di sé.

Il Dr. Edward Bach nel suo libro I dodici guaritori e altri rimedi così descrive la condizione in cui si viene a trovare la persona che ha bisogno del Rimedio Crab Apple:  ”Questo è il rimedio depurativo. Per coloro che hanno la sensazione di avere qualcosa di poco pulito che li riguarda. Spesso si tratta di qualcosa di apparentemente poco importante: in altri vi potrebbe essere un malanno ben più grave che viene quasi trascurato, se paragonato a quella cosa su cui essi concentrano la loro attenzione. In entrambe queste tipologie di persone c’è ansia di liberarsi di quella particolare cosa che occupa le loro menti e che sembra loro così essenziale che debba essere curata. Essi si scoraggiano se la cura fallisce. Trattandosi di un depurativo, questo rimedio ripulisce le ferite, se il paziente avesse ragione di credere che all’interno sia penetrato un qualche veleno che debba essere estratto.”

La personalità Crab Apple ha un’idea fissa: la pulizia. Fa così parte di se stessa, che non si accorge quando talvolta esagera…. Questa pulizia non riguarda solo il suo aspetto fisico (che deve essere ai suoi occhi sempre piacevole), ma si estende anche all’ambiente dove esercita la sua attività, e quindi sua caratteristica è controllare che tutto sia in ordine. La sua precisione poi la porta a non perdere di vista nulla, a essere sempre molto lucida e presente in quello che fa. Nella malattia, anche se non grave, farà di tutto per trovare la cura giusta che potrà farla ristabilire al più presto. Quando in equilibrio, è una persona su cui fare affidamento, specie nel momento del bisogno, proprio per questa sua naturale capacità di tenere tutto sotto controllo così che ogni cosa possa ritrovare il suo ordine e la sua armonia.

Quando però esagera nella sua precisione e/o nella sua fissazione che c’è qualcosa di “sporco”, sia che la riguardi personalmente o che riguardi l’ambiente intorno a lei, allora sì che tende ad “ammalarsi” veramente! A tal punto che controlla continuamente che abbia chiuso la chiavetta del gas, per esempio, oppure prima di uscire di casa che abbia le chiavi con sé…. la si vede sempre che passa l’aspirapolvere perché dice di vedere qualcosa per terra, oppure non fa altro che ripulire i vetri delle finestre perché dice di vedere impresse alcune impronte…… Poi, se si ritrova davanti allo specchio, beh, allora si vede grassa (anche se non è ingrassata), e comunque non si piace, c’è sempre qualcosa che non va nel suo aspetto fisico….. Ecco allora il momento di assumere il Fiore di Bach Crab Apple per ristabilire l’equilibrio di questa persona che altrimenti tenderebbe alla depressione!

Più in generale, questa essenza floreale è indicata per “ripulire” sia il corpo dalle tossine che la mente dai pensieri impuri. Si raccomanda specialmente in casi di malattie della pelle (anche ad uso locale), e funziona come disintossicante di tutto il corpo, quindi anche per contrastare la costipazione, ad esempio. Il suo effetto depurativo è efficace nei cambi di stagione, e comunque sempre quando si ha l’impressione di avere accumulato troppe tossine nel corpo. In ultimo, ricordo che è una componente del Rescue Cream, una pomata da utilizzare in caso di bruciature, distorsioni, ustioni, strappi muscolari, piaghe, etc.

Fra i 7 Gruppi Emozionali individuati da Edward Bach, Crab Apple fa parte del Gruppo dello Scoraggiamento o Disperazione, insieme con i rimedi Pine, ElmSweet Chestnut, Star of Bethlehem, Willow, Oak e Larch.

Beech

Il Fiore di Bach “Beech” viene preparato raccogliendo i fiori e le foglie del Fagus sylvatica, il Faggio Selvatico o Faggio europeo, che fiorisce in aprile e maggio.

Le parole chiave per il Fiore di Bach Beech sono: Intolleranza, atteggiamento critico.

Il Dr. Edward Bach nel suo libro I dodici guaritori e altri rimedi così descrive la personalità Beech: “Per coloro che sentono il bisogno di vedere più bontà e bellezza in tutto ciò che li circonda. E, sebbene molte cose sembrino sbagliate, che abbiano la capacità di vedervi la bontà crescere all’interno. Così da poter essere più tolleranti, indulgenti e comprensivi dei diversi modi in cui ogni individuo ed ogni cosa si prodigano per la propria perfezione finale.”

Le persone Beech in equilibrio sono amanti dell’armonia, che ricercano anche nelle persone che le circondano. La diversità che i Beech riscontrano negli altri, anche se può disturbare il loro modo di vedere il mondo e le cose, viene comunque compresa da loro – anche se mai accettata del tutto – nel quadro di un cammino spirituale che ognuno è chiamato a percorrere. In questo modo, le discordanze e le “bruttezze” che in un primo tempo appaiono loro di fronte possono assumere un altro significato, tanto da fare intravedere i germogli dell’armonia e della bellezza che inseguono nella vita.
Lo squilibrio può avvenire quando i Beech dimenticano che esistono diverse vie per arrivare alla meta, e quindi si aspettano che tutti condividano con loro la stessa visione della vita, e pensano che ciò che è bello per loro deve per forza esserlo per gli altri. A quel punto diventano intolleranti, tanto da criticare tutto ciò che viene fatto e che non coincide con il loro senso di armonia e bellezza. Inoltre, diventano critici degli altri perché non riescono a vedere quella bontà che invece riscontrano in loro stessi.
Assumere l’essenza floreale di Bach aiuta questi individui a ripristinare il loro equilibrio, a ricercare il bello anche dove a prima vista non c’è, a ritrovare quei germogli di bontà nell’animo umano così difficili da cogliere.
Fra i 7 Gruppi Emozionali individuati da Edward Bach, Beech si colloca nel Gruppo della Preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri, insieme alle essenze Chicory, VervainVine e Rock Water.