Emotions and Bach Flower Remedies

Dr Bach’s keyword was “simplicity”. He believed that all in Nature is simple and is capable of satisfying our needs – food, water, air, heat. Therefore, Nature itself is capable of providing us the means for our well being.

Bach thus wanted to create a “simple” system, which would use Nature’s own products, and could be at everybody’s disposal. In fact, according to him, Remedies should be taken in the same way as one takes a lettuce leaf in order to satisfy his hunger.

As a matter of fact, Dr Bach chose the Remedies with the intention of reducing the undesirable effects of stress, as they are capable of acting directly on one’s mind – and therefore on one’s emotions – by boosting the immunity system. One could thus state that Bach Flower Remedies are capable of changing distress into eustress. This means that singling out those true emotions that produce stress in an individual is of extreme importance in order to choose the right Remedies, and therefore to heal or prevent disease.

Within Bach’s System, emotional problems can be either “transitory” or “long term”. The former are emotional states that last for a relatively short period of time, whereas the latter are emotional states that are there since a long time – even since years – and no solution has ever been really found (perhaps because one has adapted to circumstances). These negative emotions have, with time, modified one’s personality by accumulating in what is called ” the snowball effect”.

We can ourselves choose the remedies for transitory emotional states by passing into a state that psychologists call metaemotion, that is by trying to face our emotional states, in order to singling them out clearly. But, as said before, when these emotional states have been ignored for a long time, then “layers” of negative emotions are formed which have to be recognised and “discovered” one by one. This process has been associated to the opening up – layer by layer – of an onion: each layer of the onion corresponds to a negative emotion we have to free ourselves of before reaching its core. What can we expect to find in the core of the onion? Sometime, we might discover our “type Remedy”, showing us the main quality of our personality we should work on. Some other time, it could be a traumatic event which was not rightly resolved at the time when it happened. Or else, it could be a small emotion that has overgrown. The only way to know it is to start lifting up the layers of our onion one by one. The way to do it is the following:

  1. choose the remedies needed at the time, for how we feel “now”
  2. take them regularly until we feel they are not working any more
  3. choose the remedies again
  4. stop when the need is felt

This way, the remedies give us the opportunity to learn something about ourselves. It is an enriching process, which teaches us how we are predisposed to respond to stress. If used in the proper way, remedies can give us insights about who we really are. Anyway, it should be pointed out that should we take remedies we don’t need, they would not interfere with the appropriate ones, becoming passive.

Sometimes it is difficult to “understand oneself”, especially if one is not used to listen to the body’s – and therefore the mind’s – messages, therefore the help of a practitioner is needed, someone who may understand our true emotional states in order to choose the right remedies.

Annunci

Remembering Edward Bach

Edward Bach’s personality, as it is revealed through the few writings he left us, is characterised by a great “simplicity”, which has been a peculiarity throughout his whole life.

We could describe Dr. Bach as a man in search of harmony, both within himself and in the outer world. He believed harmony and beauty were one, therefore, how could he not notice the beauties of Creation, of Nature, with its plants…. and its flowers?

And for sure he was also a lover of perfection, like the one he was noticing in Nature’s simplicity…. that is, he used to love perfection, of course, but he would never forget his own limits, his being a man, earthly, and therefore imperfect.

He himself was convinced that Nature is God’s creation and, humble as he was, he either could not nor he would not ever even think of creating something as perfect as His Creation. But he loved to observe Nature, as well as he used to enjoy being part of that… Divine Nature.

His spirituality was so intense that he was convinced that Creation of all things could never exist without Spirit or “Soul”, as he loved to call it. And therefore, so simply, in his life Spirituality and Materiality were following one another, beating the time of his existence.

It is in this balance between Matter and Spirit that lies the true essence of Bach’s thought, as well as the direction taken by his medical researches. Matter and Spirit are in fact two aspects of our human nature, linked by another element, that is Mind. When body, Mind and Spirit are in harmony, then we can truly state to be part of the beauties of Creation, to be able to observe and love this world, enjoying being part of it. Therefore the importance of our Mind.

Another feature of Bach’s personality – which has conditioned his life both as a man and as a physician – was compassion for all human beings. Compassion was part of the spiritual aspect of Bach as a man, and it has been an important feature, that made him not only pursue his researches without caring about the opinions of the medical milieu of the time, but also take care night and day of those suffering “souls” who needed help, whom he wanted to heal not only in body but also in mind. It is narrated that Bach understood and “felt” this truth for the first time when he was a young boy and observed that those who were working in his father’s foundry and who were suffering of some physical illness were also disturbed in their mind because of worries of a material nature, or only because they were unsatisfied by their work. Later on, when he was a physician, Bach went on noticing how important it was for his patients to live without anxieties and worries, in order to be in harmony with themselves and therefore enjoy good health.

In a healthy body, mind had therefore to find a balance with Emotions and Spirit, that are cherished therein. This was the meaning of harmony and beauty for Bach. But as true harmony and true beauty could be found only in Nature, it was in Nature that the method had to be searched for, which could help regain them when lost.

In ricordo di Edward Bach (un tributo nel giorno dell’anniversario della sua nascita)

La personalità di Edward Bach così come ci viene svelata dai pochi scritti che ci ha lasciato è caratterizzata da una grande “semplicità”, di cui ha intriso tutta la sua vita.

Si potrebbe descrivere il Dr. Bach come un uomo desideroso di armonia, dentro e fuori di sé. Armonia e bellezza erano per lui una cosa sola, e perciò, come poteva non accorgersi delle meraviglie del creato, della Natura, con le sue piante…. ed i suoi fiori?

Ed era sicuramente anche amante della perfezione il Dr. Bach, come quella che riscontrava, appunto, nella semplicità della Natura…….. cioè, egli sì amava la perfezione, ma senza mai dimenticarsi dei suoi limiti, rimanendo sempre in contatto con il suo essere uomo, terreno, e quindi imperfetto.

Lui stesso era intimamente convinto che la Natura è opera di Dio e, nella sua umiltà, non avrebbe mai potuto né voluto neanche avvicinarsi all’idea di eguagliare la Sua Opera, così perfetta. Ma gli piaceva osservarla, e compiacersi di fare parte di quella Natura…. Divina.

La sua spiritualità era profonda: era convinto che la Creazione di tutte le cose non avrebbe potuto esistere senza Spirito, o “Anima”, come amava definirlo lui. E così, semplicemente, Spiritualità e Materialità si susseguivano nella sua vita, scandendo il ritmo della sua esistenza.

Ed è proprio in questo equilibrio fra Materia e Spirito che sta la vera essenza del pensiero di Bach e l’orientamento che presero le sue ricerche di medico. Materia e Spirito sono infatti due aspetti della nostra natura umana, uniti fra loro da un altro elemento, e cioè la Mente. Quando Corpo, Mente e Spirito sono in armonia, allora possiamo veramente dire di far parte delle meraviglie di questo Creato, di essere in grado di osservare ed amare questo mondo compiacendoci di farne parte. Da qui l’importanza della nostra Mente.

La compassione per tutti gli esseri viventi è un altro tratto della personalità di Bach che ha condizionato la sua vita di uomo e di medico. La compassione faceva parte dell’aspetto spirituale dell’uomo Bach, ed è stato un fattore importante, che lo ha portato non solo a proseguire nelle sue ricerche, senza curarsi delle opinioni che giravano nell’ambiente medico del tempo, ma anche ad occuparsi giorno e notte di quelle “anime” che soffrivano, che avevano bisogno di aiuto, e che lui voleva guarire non solo nel corpo ma anche nella mente. Si racconta che Bach per la prima volta arrivò a concepire e a “sentire” questa verità quando, ancora giovinetto, osservava che coloro che lavoravano nella fonderia del padre e soffrivano di qualche male fisico erano anche disturbati nella mente da preoccupazioni di ordine materiale, oppure soltanto dal fatto che facevano un lavoro insoddisfacente. Più tardi, durante la sua professione di medico, continuò a notare quanto fosse importante per i suoi pazienti vivere senza ansie e preoccupazioni, per poter essere in armonia con se stessi e quindi godere di buona salute fisica.

In un corpo sano, la mente doveva quindi trovare un equilibrio con le Emozioni e lo Spirito che vi albergano. Questo era il significato di armonia e bellezza per Bach. Ma poiché la vera armonia e la vera bellezza non potevano che essere trovate nella Natura, era nella Natura che bisognava ricercare il metodo che potesse aiutare l’uomo a riacquistarle quando esse venivano meno.

Ci avevate mai pensato….?

Siete appena tornati a casa da una faticosa giornata di lavoro?

Rilassatevi …….

e davanti a una bella tazza di tè ripensate alla vostra giornata, a cominciare dal risveglio del mattino.

Come vi sentivate? Sereni e pieni di energia, o poco motivati e stanchi all’idea di ricominciare una nuova giornata?

E quando siete arrivati al posto di lavoro, eravate felici di svolgere il vostro lavoro, felici di incontrare i vostri colleghi? Oppure avete dovuto indossare la solita maschera di persona sempre allegra e accomodante?

Ripensate a tutti gli stati d’animo che vi hanno accompagnato durante questa lunga giornata, alcuni facilmente gestibili o addirittura gradevoli, altri invece travolgenti o comunque fortemente negativi e che vorreste non provare mai …..

Ecco, immaginate ora come avreste potuto gestire quelle emozioni forti in modo diverso…..

E come vi sentireste meglio, più felici e pieni di energia se solo foste in grado di farlo!

E allora, continuate a sorseggiare il vostro tè, comodamente seduti e …… chissà che presto non possiate anche voi sentirvi meno stressati…. Per esempio, assumendo i Fiori di Bach che vi possano assistere nel gestire meglio le vostre giornate e le vostre relazioni, nel lavoro come a casa.

Se vi trovate a Roma nel fine settimana dell’1 e 2 ottobre, un’occasione potrebbe essere quella di partecipare al Seminario che darò presso lo Studio “Psicoluce”,  in cui prensenterò le 38 essenze floreali di Bach e i modi per assumerle. Le iscrizioni sono già aperte.

I Fiori di Bach possono agire sul Sistema Immunitario?

E’ interessante notare che non vi sono a tutt’oggi farmaci atti ad incrementare direttamente l’attività del sistema immunitario, e che molte forme di cura con farmaci che attivano il sistema immunitario possono causare patologie autoimmuni. E’ invece stata ipotizzata l’idea di fronteggiare le patologie legate a disfunzioni del sistema immunitario agendo sulla mente stessa riequilibrando le emozioni, instaurando cioé un meccanismo di feedback, con l’aiuto dei Fiori di Bach. In un primo tempo, può sembrare strana una corrispondenza fra Fiori di Bach e sistema immunitario, ma se ci soffermiamo a pensare al ruolo primario che i Fiori di Bach svolgono per il miglioramento della qualità della vita, allora si capirà come essi interagiscono con il sistema immunitario dell’individuo favorendone il suo innalzamento.

Come è noto, i Fiori di Bach agiscono a livello mentale, e il loro uso negli anni ha dimostrato la loro efficacia nel combattere gli stati depressivi. In una ricerca di M. Campanini apparsa su “La Medicina Biologica”, l’autore ha curato pazienti sofferenti da ansia, stress e depressione con i Fiori di Bach, riscontrando un miglioramento dell’89% dei pazienti, specie di quelli affetti da ansia. Lo studio ha anche evidenziato che lo scetticismo iniziale di alcuni pazienti riguardo al trattamento non abbia mostrato alcuna influenza sul risultato della cura.

Che i Rimedi di Bach siano efficaci contro lo stress, la depressione e l’ansia è stato confermato da vari studi e ricerche nel campo. Nel 2005 il Dr. Shigeyoshi Toyota del Dipartimento di Anestesia dell’Ospedale Tsudanuma Chuoh in Giappone, ha sperimentato l’efficacia del Rescue Remedy su 36 pazienti che hanno accettato volontariamente di assumerlo il giorno prima della loro operazione. Il Dr. Toyota ha voluto provare l’esperimento in considerazione del fatto che l’ansia e la tensione pre-operatoria può causare stress mentale e quindi ostacolare la buona riuscita dell’anestesia. Egli è sempre stato convinto che proprio per questo motivo i pazienti in fase pre-operatoria dovrebbero essere calmi e liberi dall’ansia, e nella sua pratica di anestesista ha riscontrato che molti pazienti non reagiscono sempre bene all’uso dei farmaci.

Nel suo esperimento, le 36 persone – selezionate fra coloro che non avevano problemi di pressione alta, diabete, malattie cardiovascolari o disordini mentali – furono divise in 2 gruppi non aventi differenze significative rispetto a età, sesso, altezza e peso. Ad un gruppo fu data una bottiglietta contenente il Rescue Remedy, mentre all’altro una bottiglietta contenente solo acqua minerale, con la raccomandazione di assumere 4 gocce dalla bottiglietta il giorno prima dell’intervento, ogni volta che si sentivano in stato ansioso. Il risultato è stato che, mentre non si riscontravano differenze statistiche significative per quanto riguardava la pressione del sangue, la frequenza cardiaca tendeva ad essere meno alta nei pazienti che avevano preso il Rescue Remedy.

Comunque, il risultato più interessante è stato considerato il fatto che coloro che avevano preso il Rescue Remedy non sentivano il bisogno di assumere il rimedio così frequentemente rispetto a coloro che avevano assunto solo acqua. Quest’ultimo risultato sembrò dimostrare che l’assunzione del Rescue Remedy allevia lo stress pre-operatorio.

Confronting Bach’s 7 Emotional Groups and TCM’s 7 Emotional Factors

I have taken the liberty to confront the seven Emotional Groups listed by Dr Edward Bach with the seven Emotional Factors of Traditional Chinese Medicine, not only because they both mention number 7, but also because I believe there could be a correlation between the mental/psychic sufferings highlighted by Dr. Bach and the physical/physiological sufferings derived by the emotions listed in TCM.

Only experience will tell if these correlations are to be considered useful. In the meantime, I am hereafter giving a simple listing, hoping that it could be inspiring for those who want to make use of it.

DR. EDWARD BACH’s 7 EMOTIONAL GROUPS TCM’s 7 EMOTIONAL FACTORS
FEAR (5 mental states)Of what is known

Of the unknown

To lose control

Terror

Fear for others

FEAR (kidneys – yang/yin root, seat of willpower) urogenital apparatus unbalance

Indecision

Depression

Confusion

Lack of courage

Anxiety

UNCERTAINTY (6 mental states)Unsure on life path

To take decisions

To decide between 2 options

Discouragement

Desperation

Tired of daily affairs

MELANCHOLY (lungs – governs qi)Excessive tiredness

Palpitations

Difficulty concentrating

UNINTERESTED IN THE PRESENT (7 mental states)Continues to make the same mistakes

Depressed without reason

The dreamer

The nostalgic

The unconcerned

The mental and physical exhausted

The mental tortured

PREOCCUPATIONS (spleen-pancreas)Excessive tiredness

Palpitations

Difficulty concentrating

LONELINESS (3 mental states)Loner

Impatient

Egocentric

ANGER (liver)Nervousness

High pressure

Strong headaches

OVER-SENSITIVITY (4 mental states)Hides problems behind joviality

Always likes to please others and never says “no”

Needs protection from influences

Jealous, suspicious

JOY (heart – seat of mind/shen)Agitation

Palpitations

Insomnia

DESPONDENCY/DESPAIR (8 mental states)Strong sense of duty

Makes the victim

Inferiority feeling

Feeling guilty

Weight of responsibilities

Anguish

Trauma

Feeling shameful and unclean

TERROR (heart and other organs)Extended in time it changes in fear(kindneys)

Palpitations

Agitation

Insomnia

OVER-CARE FOR OTHERS (5 stati mentali)Selfish in love

Enthusiast who wants to convert others

Inflexible leader

Intolerant critic

Strict, wants to be example for others

PAIN (spleen-pancreas and lungs)Skin problems

Muscular problems

Digestive problems

Il Counselling integrato ai Rimedi di Bach – III PARTE

Sia il Counselling che il Sistema di Bach concordano nel ritenere la comprensione di sé e la consapevolezza del proprio percorso di vita indispensabili affinché si instauri un equilibrio fra mente e corpo, considerando l’auto-guarigione non solo possibile, ma l’unico obiettivo che ogni individuo deve ricercare.

Infatti, l’Educatore di Bach, come il Counsellor, non è un terapeuta nel vero senso del termine, perché la sua funzione non è quella di “curare” la malattia o il disagio, ma di far sì che attraverso una maggiore consapevolezza di sé il cliente arrivi da solo a “scoprire” la sua Anima, e cioè il suo vero essere. L’unica differenza risiede nel fatto che l’Educatore di Bach ha uno strumento in più per arrivare al suo scopo, e cioè i Rimedi floreali, che prescriverà dopo un primo colloquio con il cliente della durata di circa 50 minuti, e solo dopo aver spiegato la loro funzione ed il cliente abbia accettato di assumerli, così da renderlo – appunto – consapevole del proprio modo di essere, delle sue debolezze così come delle sue forze. Anche qui, come nel Counselling, ci deve essere una presa di coscienza da parte del cliente, di modo che la sua guarigione possa essere efficace, e quindi si possa parlare di vera auto-guarigione.

Prescrivere i Rimedi di Bach durante le sedute di Counselling può agevolare ulteriormente la presa di coscienza da parte del cliente, e perciò accelerare la sua auto-guarigione.

Prendiamo ad esempio una madre che si rivolge al Counsellor per aiutarla ad eliminare le sue esplosioni di rabbia verso i figli. Perché il counselling possa avere successo ci vorranno settimane o mesi (a seconda delle ragioni che spingono la madre alle sue esplosioni di rabbia). Nel frattempo, però, i suoi figli a casa continuano a soffrire. In questo caso, somministrare i Rimedi di Bach alla madre fin dal primo giorno può aiutarla a calmarla in poco tempo. I rimedi potranno aiutarla ad avere più pazienza, più controllo di sé e meno rabbia. La sua vita familiare potrà nel frattempo essere più stabile e felice, mentre lei imparerà dal counselling le strategie migliori per combattere la rabbia e relazionarsi agli altri. Inoltre, i rimedi potranno aiutarla a scoprire problematiche psicologiche più profonde, se esse risulteranno essere la vera causa della sua rabbia. In questo caso si potrà ritenere opportuno cambiare i rimedi a seconda delle nuove problematiche che sono venute a galla, altrimenti, se la madre ha ritrovato il suo equilibrio in famiglia, smetterà di prendere i rimedi. A questo punto potrà decidere se continuare il counselling o meno, a seconda dei suoi reali bisogni. Per esempio, deciderà di continuare ad andare dal Counsellor se sarà interessata a continuare ad imparare le tecniche di relazione da poter utilizzare all’interno della famiglia per un migliore ménage, oppure deciderà di voler lavorare sul suo matrimonio, o altro ancora.

In un interessante studio apparso su una rivista americana nel 2001 e condotto da Jeffrey R. Cram, PhD, del Sierra Health Institute a Nevada City, California, si è offerto a 11 pazienti che soffrivano di depressione da circa 22 mesi (2/3 dei pazienti erano diagnosticati dal DSM-4 avere depressione grave ricorrente) e che provenivano da 4 cliniche diverse, di essere curati per un mese con la sola psicoterapia, e per altri 3 mesi con psicoterapia integrata a floriterapia; mentre ad un solo paziente si è offerto counseling e supporto nutrizionale al posto della psicoterapia. Il risultato è stato per il primo mese di nessun cambiamento con la sola psicoterapia negli indici di misura usati per la depressione (Beck Depression Inventory e Hamilton Depressions Scale), mentre la psicoterapia integrata alla somministrazione dei Fiori di Bach ha prodotto riduzioni significative degli stessi indici di circa il 50%. I Fiori di Bach sono stati somministrati individualmente secondo le necessità di ciascuno dei pazienti, e non utilizzando un trattamento “standard”. Il risultato dello studio di Cram non solo supporta l’ipotesi che i Fiori di Bach sono efficaci nel trattamento della depressione, ma che l’effetto placebo esiste, solo che non è durevole (da 2 a 4 settimane), ed è per questo che si è deciso di utilizzare un periodo di tempo di 3 mesi per lo studio in questione. Inoltre, lo studio ha ulteriormente dimostrato che non esistono interferenze fra i farmaci anti-depressivi e i Fiori di Bach. Non solo, ma uno dei pazienti ha interrotto con successo la somministrazione di farmaci anti-depressivi durante i tre mesi di trattamento.

Alla fine del suo studio, Cram non solo afferma che i Fiori di Bach sono uno strumento che assiste i pazienti a risolvere le loro problematiche psicologiche profonde che contribuiscono alla loro depressione e la perpetuano, ma anche che la floriterapia non può essere risolta in 15 minuti di prescrizione dei rimedi, ma piuttosto comprende 50 minuti buoni di counseling, reso più efficace dall’aiuto dei rimedi.

Voci precedenti più vecchie Prossimi Articoli più recenti