Integrating Counselling with Bach’s Remedies – Part II

Within the Bach’s system, counselling is absolutely necessary as a prescribing method, in order to accurately “diagnose” the emotions that are being experienced by the client at the time when he asks for the practitioner’s help. As a matter of fact, there is no mechanic or intuitive process within the Bach’s system.

At the end of the 1960’s Philip M. Chancellor, before publishing his book on the Bach Flower Remedies, asked Nora Weeks – Dr Edward Bach’s closest collaborator – to briefly tell about the method and the procedure that she, together with Victor Bullen and many other Bach practitioners were using when interviewing their clients before prescribing the most suitable remedies for them. She then wrote a letter stating that actually there was no standard list of questions for prescribing the remedies, because each client must be treated individually and differently from any other. She continued by stating that therefore, each individual person had to be addressed to “in a way commesurate with his understanding, his background and his general attitude towards life”. The most important thing was to “put the patient at his ease; to make him feel that you are his friend and that you sincerely want to help him. Make him feel secure in the fact that he can talk with you about himself in absolute confidence. It is only by talking about himself, without reserve, that you will be able to help him by prescribing the correct Remedy for his condition.”

Moreover, Nora Weeks used to remind that a good practitioner – or physician – is also a good listener. “Cultivate this habit and let the patient talk, but be sure to listen attentively!” she used to say. One may start interviewing him by saying for instance: “Since you may not know very much about the Bach Flower Remedies, please tell me first about your physical difficulties, and then I will ask you a few questions about yourself”. In this way, that is by talking about his physical symptoms, the client will reveal a lot about himself, and these are the information that practitioners want to know. The client might say, “all unwittingly, that he is afraid the complaint will worsen (MIMULUS), or that he has lost hope of ever becoming cured (GORSE). He might say ‘I get so impatient or so tense that my work is affected (IMPATIENS)’. Indirectly, a patient might remark that he is really resentful about this or that person or condition (WILLOW).” All these sentences might seem casual, but instead they are of great importance to the practitioners, especially because they are spontaneous. Nora Weeks continues by stressing how important it is the way the client speaks. “How does he talk? Does he talk hurriedly or nervously, or slowly and hesitatingly? Does he speak with great determination, or with the voice of authority; does he whisper with the insecurity of uncertainty and fear?”

Also the client’s facial expression must be studied well, because “it reflects his emotions. Is it an expression of worry, or does he frown or blush? Is his smile genuine, or is it forced to cover some deep sorrow or distress?” The client’s movements need to be observed. “Does he sit calmly, or does he fidget with his hands or feet; does he shift his position restlessly in the chair?”

The rule is therefore to listen quietly and observe attentively the client while he speaks. It is possible to ask questions, but without ever interrupting him while he is talking. One may ask: “How long have you had this trouble? Was there some physical or emotional shock connected with it (STAR OF BETHLEHEM)? Was there a disappointment? Is there still a worry connected with the trouble which weighs upon your mind (WHITE CHESTNUT)?” The age and the general situation of the client must be taken into consideration, “whether he is married, widowed or single, etc.; does he dwell in the past (HONEYSUCKLE)?”

Nora Weeks also reminds that Dr Edward Bach himself used to give advice on how to carry out interviews with clients. He thought one should tell the client to think and concentrate on his positive qualities. According to Nora Weeks, one should always let the client know that he is not alone in this world to have a problem similar to his, and one should sincerely assure him “that his difficulties are only temporary, and that his fears are manifesting because he is developing the great courage which is already within him, for fear, after all, is simply a test of courage.” Moreover, one should tell him that “he does have an understanding and a tolerance of others, that his genuine feeling is only overlaid temporarily by impatience and irritability.” Again, he must be assured that he is not the only one to feel the emotions he is feeling, “and that the very emotions which are the most troublesome to him can be wholly eliminated.”

After having told how an interview of a Bach Flower practitioner should be carried out, Nora Weeks stresses the fact that the client’s interview alone is extremely important in order to help him overcome his problem. Moreover, it also creates a “foundation of confidence” in the practitioner as well as in the Bach Flower Remedies as a healing method. Lastly, Nora Weeks wishes that the client would leave the practitioner’s studio feeling better than when he entered: this is the main rule in the practice.

Annunci

Carl Rogers’ Counselling and Edward Bach’s Prescribing Method

Counselling is a technique that promotes wellbeing and prevents dis-ease. It was conceived in the 1950’s by American psychotherapist Carl Rogers (1902-1987). Set within humanistic psychology, it highlights the importance of personal evolution, and therefore individuality, and this was just the essence of Dr Edward Bach’s philosophy, the foundation of his therapeutical approach. It was even assumed that Carl Rogers could have been inspired by Edward Bach (who, it is remembered, was born in 1886 and died in 1936), and therefore that Dr. Bach could in a certain way be considered the forerunner of a psychology testing method.

One can surely state that Rogers and Bach had something in common, that is their interest in oriental cultures and philosophies – which probably grew in Rogers after his trip to the eastern countries when he was young, and in Bach after his possible meeting with Krishnamurti. This interest might have brought them both towards a similar way of thinking and approach to life. Nevertheless, common to both Rogers and Bach was the conviction that within the individual there is a positive force that drives him towards evolution and therefore the individual owns within himself those resources needed in order to make him become a better person.

However it is, there are for sure some similarities between Edward Bach’s prescribing method and Carl Rogers’ counselling. In his piece of work “On becoming a person” Carl Rogers has described counselling as a relationship between two persons where the goal of at least one of the two is to promote in the other growth, development, maturity and the attainment of actions that are more suitable and integrated to the other. Moreover, Rogers’ “client-centered-therapy” is similar to Bach’s philosophy in that it highlights respect of each one’s individuality in the conviction that each one is different.

Il Counselling di Carl Rogers

La terapia-centrata-sul-cliente di Carl Rogers si può definire un metodo che propone al cliente stesso la sua auto-guarigione, attraverso la comprensione di sé. La costruzione di una buona “alleanza” relazionale fra counsellor e cliente è pertanto presupposto necessario per una positiva riuscita della terapia.

Rogers nella prefazione al suo libro “Client-Centered Therapy” descrive così la sua terapia: “……… [Questo libro] Riguarda un cliente che si siede nel mio studio per cercare di essere se stesso……. Questo libro riguarda me, mentre siedo là con quel cliente, a quattr’occhi, partecipando alla sua lotta con tutto l’impegno e con tutta la sensibilità di cui sono capace………. Riguarda me mentre mi rallegro del privilegio di assistere alla crescita di una nuova personalità, mentre assisto con un senso di meraviglia all’emergere di un io, mentre assisto a un processo di sviluppo in cui ho avuto una parte importante e facilitatrice. Riguarda il cliente e me mentre osserviamo con meraviglia le forze potenti ed ordinate venute alla luce nel corso della nostra esperienza, forze che appaiono profondamente radicate nell’universo tanto da sembrare un tutto unico. Il libro riguarda, credo, la vita, mentre si rivela così chiaramente nel processo terapeutico, con il suo cieco potere e la sua tremenda capacità di distruggere, ma anche con il suo impulso verso la crescita, capace di agire se certe condizioni sono rispettate”.

Dopo essersi accordati sul “contratto”, e cioé sugli obiettivi che si vogliono raggiungere durante le sedute, il counsellor chiede al cliente di “narrarsi”, e cioé di esporre i suoi problemi, le sue preoccupazioni, le sue emozioni (sia positive che negative), e suo compito sarà quello di mettere in evidenza parti importanti del discorso del cliente, attraverso le domande aperte, la riformulazione, la ripetizione, in modo tale che il cliente possa sentirsi capito, oltreché “osservare”, “riconoscere” e dunque analizzare da solo il suo stesso pensiero. Insomma, attraverso il Counselling, è il cliente che dovrà trovare dentro di sé le risposte alle sue stesse domande e non sarà il terapeuta ad offrirgliele. Quest’ultima è anche la differenza principale che distingue il counselling dalla psicoterapia. E’ interessante sottolineare in questo contesto come Rogers fosse fermamente convinto che la qualità del rapporto che si instaura fra terapeuta e cliente “sia più importante, a lungo andare, della conoscenza culturale, della preparazione professionale, dell’orientamento ideologico, delle tecniche terapeutiche usate nel colloquio”.

Il Counselling si potrebbe dunque definire una terapia della consapevolezza di sé che aiuta il cliente ad evolversi, ed il ruolo del Counselor è quello di fare da specchio a questa evoluzione, facendo riconoscere al cliente i condizionamenti di cui si deve liberare se vuole essere se stesso, lo rende consapevole, e lo libera dalla paura del cambiamento che lo paralizza. Può accompagnarlo verso il suo percorso evolutivo, solo però se lui lo vuole veramente. Infatti, a differenza della psicoterapia, nel Counselling ci deve essere da parte del cliente una vera volontà di arrivare alla meta, di migliorare.

Il Counselling integrato ai Rimedi di Bach – III PARTE

Sia il Counselling che il Sistema di Bach concordano nel ritenere la comprensione di sé e la consapevolezza del proprio percorso di vita indispensabili affinché si instauri un equilibrio fra mente e corpo, considerando l’auto-guarigione non solo possibile, ma l’unico obiettivo che ogni individuo deve ricercare.

Infatti, l’Educatore di Bach, come il Counsellor, non è un terapeuta nel vero senso del termine, perché la sua funzione non è quella di “curare” la malattia o il disagio, ma di far sì che attraverso una maggiore consapevolezza di sé il cliente arrivi da solo a “scoprire” la sua Anima, e cioè il suo vero essere. L’unica differenza risiede nel fatto che l’Educatore di Bach ha uno strumento in più per arrivare al suo scopo, e cioè i Rimedi floreali, che prescriverà dopo un primo colloquio con il cliente della durata di circa 50 minuti, e solo dopo aver spiegato la loro funzione ed il cliente abbia accettato di assumerli, così da renderlo – appunto – consapevole del proprio modo di essere, delle sue debolezze così come delle sue forze. Anche qui, come nel Counselling, ci deve essere una presa di coscienza da parte del cliente, di modo che la sua guarigione possa essere efficace, e quindi si possa parlare di vera auto-guarigione.

Prescrivere i Rimedi di Bach durante le sedute di Counselling può agevolare ulteriormente la presa di coscienza da parte del cliente, e perciò accelerare la sua auto-guarigione.

Prendiamo ad esempio una madre che si rivolge al Counsellor per aiutarla ad eliminare le sue esplosioni di rabbia verso i figli. Perché il counselling possa avere successo ci vorranno settimane o mesi (a seconda delle ragioni che spingono la madre alle sue esplosioni di rabbia). Nel frattempo, però, i suoi figli a casa continuano a soffrire. In questo caso, somministrare i Rimedi di Bach alla madre fin dal primo giorno può aiutarla a calmarla in poco tempo. I rimedi potranno aiutarla ad avere più pazienza, più controllo di sé e meno rabbia. La sua vita familiare potrà nel frattempo essere più stabile e felice, mentre lei imparerà dal counselling le strategie migliori per combattere la rabbia e relazionarsi agli altri. Inoltre, i rimedi potranno aiutarla a scoprire problematiche psicologiche più profonde, se esse risulteranno essere la vera causa della sua rabbia. In questo caso si potrà ritenere opportuno cambiare i rimedi a seconda delle nuove problematiche che sono venute a galla, altrimenti, se la madre ha ritrovato il suo equilibrio in famiglia, smetterà di prendere i rimedi. A questo punto potrà decidere se continuare il counselling o meno, a seconda dei suoi reali bisogni. Per esempio, deciderà di continuare ad andare dal Counsellor se sarà interessata a continuare ad imparare le tecniche di relazione da poter utilizzare all’interno della famiglia per un migliore ménage, oppure deciderà di voler lavorare sul suo matrimonio, o altro ancora.

In un interessante studio apparso su una rivista americana nel 2001 e condotto da Jeffrey R. Cram, PhD, del Sierra Health Institute a Nevada City, California, si è offerto a 11 pazienti che soffrivano di depressione da circa 22 mesi (2/3 dei pazienti erano diagnosticati dal DSM-4 avere depressione grave ricorrente) e che provenivano da 4 cliniche diverse, di essere curati per un mese con la sola psicoterapia, e per altri 3 mesi con psicoterapia integrata a floriterapia; mentre ad un solo paziente si è offerto counseling e supporto nutrizionale al posto della psicoterapia. Il risultato è stato per il primo mese di nessun cambiamento con la sola psicoterapia negli indici di misura usati per la depressione (Beck Depression Inventory e Hamilton Depressions Scale), mentre la psicoterapia integrata alla somministrazione dei Fiori di Bach ha prodotto riduzioni significative degli stessi indici di circa il 50%. I Fiori di Bach sono stati somministrati individualmente secondo le necessità di ciascuno dei pazienti, e non utilizzando un trattamento “standard”. Il risultato dello studio di Cram non solo supporta l’ipotesi che i Fiori di Bach sono efficaci nel trattamento della depressione, ma che l’effetto placebo esiste, solo che non è durevole (da 2 a 4 settimane), ed è per questo che si è deciso di utilizzare un periodo di tempo di 3 mesi per lo studio in questione. Inoltre, lo studio ha ulteriormente dimostrato che non esistono interferenze fra i farmaci anti-depressivi e i Fiori di Bach. Non solo, ma uno dei pazienti ha interrotto con successo la somministrazione di farmaci anti-depressivi durante i tre mesi di trattamento.

Alla fine del suo studio, Cram non solo afferma che i Fiori di Bach sono uno strumento che assiste i pazienti a risolvere le loro problematiche psicologiche profonde che contribuiscono alla loro depressione e la perpetuano, ma anche che la floriterapia non può essere risolta in 15 minuti di prescrizione dei rimedi, ma piuttosto comprende 50 minuti buoni di counseling, reso più efficace dall’aiuto dei rimedi.

Integrating Counselling with Bach’s Remedies – PART I

Both Counselling and the Bach System have the same common objective of solving the client’s stress by the awareness of the causes that have produced it. Evidence is that self-healing is slow, and that a boost in the client’s immunity system comes spontaneously.

The methods used in Counselling and in the Bach System differ in that the former consists in a series of interviews with the client, whereas the latter consists in a first in-depth interview aiming at prescribing the Flower Remedies which are found most appropriate for the emotional states that the client is living at the moment of the interview, and another follow-up.

Therefore, in comparing a Counsellor to a Bach Flower Practitioner, the latter has one further tool, and during the courses at the Edward Bach Foundation modern Counselling techniques (from Carl Rogers’ Client-Centered Therapy to Eric Berne’s transational analysis and Stephen Karpman’s dramatic triangle) are all studied as part of the system’s knowledge.

Through my personal experience, during consultations with my clients, I had the chance to verify the efficaciousness of integrating modern Counseling with the Bach Remedies, and I wish this method could be used by those who are interested in true and effective consultations.

Il Counselling di Carl Rogers e la relazione d’aiuto di Edward Bach

Il Counselling è una tecnica che promuove il benessere e previene il disagio, ideata negli anni ’50 dallo psicoterapeuta americano Carl Rogers (1902-1987) . Essa si inquadra all’interno della psicologia umanistica e mette in risalto l’importanza dell’evoluzione della persona, e quindi l’attenzione rivolta all’individualità, e questa altro non era che l’essenza del pensiero filosofico del Dr. Edward Bach, fondante del suo approccio terapeutico. C’è chi è arrivato ad ipotizzare perfino che Carl Rogers si fosse ispirato al Dr. Edward Bach (che, ricordiamo, è nato nel 1886 e morto nel 1936), facendo pensare che il Dr. Bach possa in un certo senso considerarsi il precursore di un metodo di analisi psicologica.

Si può sicuramente affermare che qualcosa in comune Rogers e Bach lo abbiano avuto, e cioé il loro interesse verso la cultura e la filosofia orientale (acquisita probabilmente da Rogers attraverso il suo viaggio in oriente da giovane e da Bach attraverso un suo possibile incontro con Krishnamurti), che forse li ha portati ad essere vicini nel loro pensiero e quindi nel loro approccio alla vita. E’ comunque caratteristica comune a Rogers e Bach la convinzione che nell’individuo è insita una forza positiva che lo spinge ad evolversi e che pertanto l’individuo stesso possiede in sè stesso le risorse per migliorarsi.

Comunque sia, certo è che vi sono delle similitudini fra la relazione d’aiuto del Dr. Bach e il counselling di Carl Rogers. Nella sua opera “On becoming a person” Carl Rogers ha descritto la relazione d’aiuto come: “….una relazione in cui almeno uno dei protagonisti ha lo scopo di promuovere nell’altro la crescita, lo sviluppo, la maturità e il raggiungimento di un modo di agire più adeguato ed integrato all’altro”. Inoltre, la terapia-centrata-sul-cliente di Rogers sembra prendere spunto dal pensiero di Bach in quanto mette l’accento sul rispetto dell’individualità di ciascuno nella convinzione che ognuno è diverso.

Emozione o Autocontrollo?

Come contrario della parola Emozione, leggo nel dizionario italiano Autocontrollo.

L’autocontrollo altro non è che l’evitare di venire preda dei propri impulsi ed emozioni. Dunque, il nostro equilibrio psicofisico non si basa sull’assenza di emozioni, ma sull’educarci a vivere pienamente le emozioni congrue alle situazioni della vita, senza arrivare a sentimenti estremi o emozioni troppo intense che possono minare la nostra stabilità.

Cambiando il nostro atteggiamento mentale, potremmo anche imparare a cambiare i pensieri distruttivi. Per esempio, sarebbe opportuno imparare a gestire la nostra e l’altrui rabbia riconoscendone i segnali, interrogandosi sulle sue vere origini, e quindi prendendone consapevolezza.

Educarsi al pensiero positivo è un primo traguardo importante. E’ infatti scientificamente provato che le emozioni positive hanno la potenza di limitare la secrezione di ormoni da stress (il cortisolo) e di attivare la produzione degli analgesici naturali dell’organismo (le betaendorfine). Insomma, l’ottimismo facilita il percorso verso lo stato di benessere psicofisico, che si concretizza nell’autostima, definita “il narcisismo sano” da Freud e “il sistema immunitario della coscienza” da Nathaniel Branden.

Per aiutare a raggiungere questo obiettivo, in occidente, oltre alla psicoterapia, si sono sviluppate diverse pratiche psicologiche quali il training autogeno, il counselling, l’ipnosi, il rilassamento, che permettono di riequilibrare la comunicazione in atto fra mente-corpo-psiche. Un’altra tecnica di successo nella liberazione delle emozioni negative si è rivelata la risoterapia, che rafforza le difese naturali bilanciando gli effetti immunodepressivi dello stress.

Voci precedenti più vecchie