Crab Apple

L’essenza floreale “Crab Apple” si prepara nel mese di maggio con i fiori, le foglie e i ramoscelli del Malus pumila, una specie originaria del Caucaso e oggi coltivata anche in Italia.

Le parole chiave per il Fiore di Bach Crab Apple sono:  Pulizia, disgusto di sé.

Il Dr. Edward Bach nel suo libro I dodici guaritori e altri rimedi così descrive la condizione in cui si viene a trovare la persona che ha bisogno del Rimedio Crab Apple:  ”Questo è il rimedio depurativo. Per coloro che hanno la sensazione di avere qualcosa di poco pulito che li riguarda. Spesso si tratta di qualcosa di apparentemente poco importante: in altri vi potrebbe essere un malanno ben più grave che viene quasi trascurato, se paragonato a quella cosa su cui essi concentrano la loro attenzione. In entrambe queste tipologie di persone c’è ansia di liberarsi di quella particolare cosa che occupa le loro menti e che sembra loro così essenziale che debba essere curata. Essi si scoraggiano se la cura fallisce. Trattandosi di un depurativo, questo rimedio ripulisce le ferite, se il paziente avesse ragione di credere che all’interno sia penetrato un qualche veleno che debba essere estratto.”

La personalità Crab Apple ha un’idea fissa: la pulizia. Fa così parte di se stessa, che non si accorge quando talvolta esagera…. Questa pulizia non riguarda solo il suo aspetto fisico (che deve essere ai suoi occhi sempre piacevole), ma si estende anche all’ambiente dove esercita la sua attività, e quindi sua caratteristica è controllare che tutto sia in ordine. La sua precisione poi la porta a non perdere di vista nulla, a essere sempre molto lucida e presente in quello che fa. Nella malattia, anche se non grave, farà di tutto per trovare la cura giusta che potrà farla ristabilire al più presto. Quando in equilibrio, è una persona su cui fare affidamento, specie nel momento del bisogno, proprio per questa sua naturale capacità di tenere tutto sotto controllo così che ogni cosa possa ritrovare il suo ordine e la sua armonia.

Quando però esagera nella sua precisione e/o nella sua fissazione che c’è qualcosa di “sporco”, sia che la riguardi personalmente o che riguardi l’ambiente intorno a lei, allora sì che tende ad “ammalarsi” veramente! A tal punto che controlla continuamente che abbia chiuso la chiavetta del gas, per esempio, oppure prima di uscire di casa che abbia le chiavi con sé…. la si vede sempre che passa l’aspirapolvere perché dice di vedere qualcosa per terra, oppure non fa altro che ripulire i vetri delle finestre perché dice di vedere impresse alcune impronte…… Poi, se si ritrova davanti allo specchio, beh, allora si vede grassa (anche se non è ingrassata), e comunque non si piace, c’è sempre qualcosa che non va nel suo aspetto fisico….. Ecco allora il momento di assumere il Fiore di Bach Crab Apple per ristabilire l’equilibrio di questa persona che altrimenti tenderebbe alla depressione!

Più in generale, questa essenza floreale è indicata per “ripulire” sia il corpo dalle tossine che la mente dai pensieri impuri. Si raccomanda specialmente in casi di malattie della pelle (anche ad uso locale), e funziona come disintossicante di tutto il corpo, quindi anche per contrastare la costipazione, ad esempio. Il suo effetto depurativo è efficace nei cambi di stagione, e comunque sempre quando si ha l’impressione di avere accumulato troppe tossine nel corpo. In ultimo, ricordo che è una componente del Rescue Cream, una pomata da utilizzare in caso di bruciature, distorsioni, ustioni, strappi muscolari, piaghe, etc.

Fra i 7 Gruppi Emozionali individuati da Edward Bach, Crab Apple fa parte del Gruppo dello Scoraggiamento o Disperazione, insieme con i rimedi Pine, ElmSweet Chestnut, Star of Bethlehem, Willow, Oak e Larch.

Annunci

I significati dell’Autunno per la salute

In Autunno cadono le foglie: durante l’estate la Natura è arrivata al colmo della crescita iniziata nel periodo primaverile, ed ora comincia ad esaurire le sue energie. L’ingiallimento delle foglie e poi la loro caduta è il segno della fine dell’estate e dell’inzio di un periodo di riposo – l’inverno -, che ha però prima bisogno di eliminare ciò che ora considera vecchio e quindi inutile.

Il cambiamento delle stagioni in Natura rispecchia il cambiamento che avviene nel nostro organismo, e suggerisce i modi giusti per affrontarlo senza affaticare troppo il nostro corpo – e la nostra mente -, ma invece aiutandoli a trovare un nuovo equilibrio. E’ infatti normale che molte persone in Autunno sentano di più la fatica fisica e che sopravvenga in loro la depressione.

Gli organi del corpo che la Medicina Tradizionale Cinese ha messo in relazione con la stagione autunnale sono i polmoni e l’intestino crasso, quindi gli organi di eliminazione. Questo vuol dire che in Autunno il nostro corpo necessita di espellere le tossine accumulate durante la stagione estiva, avendo cura di proteggere maggiormente le vie respiratorie, prevenendo i mali stagionali come raffreddori, sinusiti, etc.

Secondo la Medicina Ayurvedica l’Autunno è in relazione con il dosha Pitta finché prevale il clima caldo, mentre è considerato Vata quando diventa freddo, secco e ventoso. Per cui, quando ci sarà la prevalenza di Pitta si preferiranno i cibi freddi, caldi ma non bollenti, dai gusti amaro, dolce e astringente con pochi grassi aggiunti, mentre quando prevarrà Vata i cibi da preferire saranno caldi e moderatamente pesanti, ben cotti, dai gusti salati, acidi e dolci con l’aggiunta di grassi. E’ da considerarsi normale l’aumento della fame nel periodo Vata, e quindi bisogna assecondare la tendenza a mangiare di più, senza mai esagerare, naturalmente.

Infine, mentre si tende a muoversi di più nel periodo estivo se ci si trova in vacanza, nel periodo autunnale si tende a rallentare i propri ritmi, e quindi a volte ci si dimentica quanto sia importante l’esercizio fisico. E’ invece doveroso ricordarsi che il movimento corporeo è estremamente importante se vogliamo prevenire i mali di stagione, espellere le tossine in eccesso, e controbilanciare l’assunzione maggiore di grassi dei primi freddi. Inoltre, l’esercizio fisico combatterà la fatica e la depressione.

Un Rimedio Floreale di Bach utile nel cambio di stagione è il Crab Apple. E’ il rimedio della “pulizia” del corpo e della mente, quindi aiuta ad espellere le tossine. Per chi si sentisse invece affaticato nel corpo, è consigliabile il rimedio Olive per ritrovare le energie.

L’importanza di alimentarsi bene

La concezione che il cibo non nutre solo il corpo ma anche la mente – e quindi che la qualità e la quantità della sua assunzione sono di estrema importanza per il nostro ben-essere –  non è nuova.

 Già migliaia di anni fa in Oriente l’Ayurveda e la Medicina Tradizionale Cinese consideravano il cibo “curativo” per il corpo, come anche “distruttivo” se non venivano assunti i cibi giusti per ogni diversa tipologia di individuo.

Ippocrate (circa IV sec. a.C.) nel suo Corpus Hippocraticum scrisse un libro dal titolo Della Dieta, attribuendo nella sua terapia grande attenzione all’alimentazione.

E’ interessante e curioso, a questo proposito, menzionare un passo del trattato di Porfirio (vissuto fra il III e il IV sec. d.C.) dal titolo Astinenza dagli animali, in cui il pensatore greco è più che mai attuale nell’affermare che “La carne non contribuisce alla buona salute, ma è piuttosto di ostacolo ad essa. Infatti la salute si conserva con quei mezzi dai quali essa riceve forza: e riceve forza da una dieta leggerissima e senza carne […]. “ Egli riteneva che un’alimentazione a base di frutta e verdura oltre ad essere più sana per il corpo, è certamente benefica per l’anima.

Infine, l’affermazione “più recente” di Ludwig Feuerbach in una sua famosa opera del 1862 “L’uomo è ciò che mangia”  è diventata di uso comune.

 L’attenzione per un’alimentazione corretta è in Naturopatia di primaria importanza, non solo nel quadro della prevenzione dalle malattie, ma anche nell’intento di ristabilire l’equilibrio dopo l’insorgenza di malesseri causati da una cattiva abitudine alimentare, e che possono manifestarsi non solo nel tratto gastro-intestinale, ma anche, ad esempio, con problemi di allergie, reumatismi, al sistema respiratorio, al sistema endocrino, etc.

La prevenzione avviene principalmente attraverso l’assunzione di cibi che contengano tutti i nutrienti necessari a mantenere forte il sistema immunitario. Ma questi cibi devono essere il più possibile di origine “naturale”, e cioè contenere in minima parte – se non contenere affatto – pesticidi usati in agricoltura, per non aggiungere tossine che sono già presenti nel nostro corpo e che provengono anche dall’ambiente in cui viviamo e dai prodotti che usiamo giornalmente per la pulizia o per la cosmesi. Ecco perché è preferibile scegliere cibi di origine “biologica”.

Mantenere un sistema immunitario forte significa non solo combattere i batteri e i virus che cercano di attaccare il nostro organismo, ma anche riuscire a contrastare e ad espellere meglio le tossine che vi si accumulano. Ciò è possibile attraverso l’assunzione giornaliera di sostanze che si trovano naturalmente in alcuni cibi, come ad esempio gli Omega 3, che sono degli acidi grassi essenziali presenti nel nostro organismo. Sono contenuti in maggiore quantità nell’olio di lino e in alcuni tipi di pesce, nelle noci e nei semi in generale.

 Il cibo è importante perché apporta nutrienti al nostro organismo, che si tramutano in energia di cui il nostro corpo ha bisogno, così come una macchina ha bisogno del carburante per camminare. Non bisogna però esagerare nella quantità, altrimenti si rischia di “inceppare” la macchina, e bisogna stare attenti, come abbiamo detto, alla qualità del “carburante”.  Ad esempio, come diceva già Porfirio nel III sec. d.C., buona regola sarebbe anche non esagerare nell’assunzione di carne (specie carne rossa) preferendo frutta e verdura – sempre tenendo conto dell’origine biologica degli alimenti (al tempo di Porfirio non esistevano i problemi ambientali di oggi!). Ricordiamoci sempre che il cibo che mangiamo viene elaborato e tramutato non solo in nutrienti ma anche in tossine le quali, circolando nel sangue, affluiscono nella corteccia cerebrale, condizionando anche i nostri stati emotivi, producendo ulteriori tossine che il nostro sistema immunitario dovrà cercare di combattere. Il processo è elaborato, ma serve a comprendere perché “l’uomo è ciò che mangia”.

I Fiori di Bach: un approccio naturale per eliminare lo stress e rafforzare il sistema immunitario

            Il buon funzionamento del sistema immunitario, insieme con il sistema endocrino ed il sistema nervoso centrale, è riconosciuto come indispensabile per il nostro benessere psico-fisico. Molte sono le circostanze ed i fattori esterni che inducono il nostro sistema immunitario ad indebolirsi (l’inquinamento atmosferico, ad esempio, così come il cibo trattato chimicamente che ingeriamo), ed è ormai noto e scientificamente provato quanto valore rivestono le nostre emozioni nel fortificare o, al contrario, indebolire il nostro sistema immunitario, rendendo quindi necessario adoperarci affinché i nostri pensieri e le nostre emozioni siano il più possibile positivi, così da non aggiungere tossine endogene al nostro corpo già affaticato dalle tossine esogene che possiamo evitare fino ad un certo punto. E’ stato provato quanto ciò detto abbia anche migliorato la vita di molti malati di cancro.

            Se è vero che le nostre emozioni possono essere fattori di stress e se sintomi fisiologici dello stress si possono riscontrare anche sul sistema immunitario (ad esempio, raffreddori e influenza frequenti, infezioni lievi, allergie), sarebbe possibile allora alzare le difese immunitarie agendo direttamente sulle cause che hanno prodotto lo stress. In questo contesto, l’uso dei Rimedi di Bach ci aiuta a non accumulare tossine rendendoci quindi più forti contro le malattie, perché innalzano il nostro sistema immunitario, favorendo una nostra migliore disposizione alla vita.